I GIOVANI

 ESCAPE='HTML'

I NOSTRI RAGAZZI NEL CAMMINO 2014/2015

PROPOSTE PER I GIOVANI

PREMESSA

Questa proposta nasce dopo un anno con voi nella parrocchia e dopo l’esperienza estiva del Grest e dei campi estivi che abbiamo vissuto insieme. Ciò che mi colpisce degli animatori è l’impegno e l’entusiasmo per le varie iniziative, grazie a tutti !! Il tempo passa velocemente e porta a riflettere sul nostro modo di essere educatori in oratorio, la necessità di capire i cambiamenti generazionali, scrutare e leggere i “segni dei tempi”. Questo progetto non nasce dall’alto, ma dalla pastorale giovanile diocesana con il consiglio di molti educatori, come voi impegnati nelle varie parrocchie  della diocesi e che il vescovo ha scelto come linea guida per i nostri oratori. Per la  nostra parrocchia non si tratta di partire da zero, ma di continuare… cercando sempre di migliorare;….è per tutti quelli che hanno messo impegno e desiderano fare una scelta di responsabilità, cioè di essere educatori nell’ oratorio della parrocchia di Canneto. Il Consiglio Pastorale, attento alla situazione, incoraggia e offre una mano per un’efficace  pastorale giovanile e sarà a completa disposizione, per un accompagnamento e aiuto.     
                                             

                                                                                                Don Giovanni  e Carlo

ALCUNE OSSERVAZIONI
Punto primo: c’è la necessità di creare un gruppo di animatori ben formato, sia sul piano della fede sia sul piano umano, per essere più comunicativi e anche in grado di avanzare proposte e intraprendere decisioni. 
Punto secondo: Il gruppo animatori deve lavorare per essere in sintonia, per amalgamarsi e fare unità.
Punto terzo: è necessaria la comunicazione fra i diversi gruppi perché la divisione di età non deve creare settori e disunire.
Punto quarto: fino ad oggi i campi estivi sono stati divisi in base ai gruppi (2 media, - 3 media, - 1 superiore). In futuro potrà risultare più difficile per impegni che possono sopraggiungere anche agli animatori. E poi è bello fare esperienze umane e di fede più complete.
Punto quinto: ho avvertito la mancanza di una figura adulta a sostegno degli animatori. Come del resto, anche  la stessa pastorale giovanile della diocesi dà indicazioni al riguardo, con suggerimenti e incoraggiamenti

PROPOSTA :
La proposta sarebbe quella di unire i gruppi :
 

GRUPPO 3° MEDIA

con un percorso continuativo rispetto alla Cresima, ma di crescita nella fede e nei rapporti umani.
Sulle tematiche da affrontare ci si può confrontare

GRUPPO DI 1° E 2° SUPERIORE.

Per l’anno 2015 avranno un percorso diverso, ma una formazione  in vista di una unione già a partire dal prossimo campo estivo.( Per vivere insieme questi due anni nella logica del gruppo: sulle tematiche ci si può confrontare.).

GRUPPO GIOVANI DI 3°,4°,5° SUPERIORE. 

Un percorso comune per continuare a confrontarsi insieme in un profondo cammino. Ciò è  importante ed essenziale, specialmente per questa età decisiva.
Questo gruppo giovani deve maturare il  legame con la parrocchia e il ruolo educativo sui ragazzi, dato che è l’età per iniziare a fare l’animatore, è importante capirne il ruolo e il significato.

 

LA NUOVA PROPOSTA E’ UNA SFIDA, MA………CORAGGIO !!!!…...............................

.....................................BASTA LASCIARCI GUIDARE DALLA   MANO DEL SIGNORE

 

I PROGETTI EDUCATIVI, LE TEMATICHE ED ESPERIENZE CONSIGLIATE PER I NOSTRI GRUPPI, NOI IN PARTE LE STIAMO GIÀ SEGUENDO.

NOTA BENE: LE PROPOSTE SONO MOLTO AMPIE, NON SONO DA ESAURIRSI IN UN ANNO MA FANNO PARTE DI LUNGO PERCORSO…

L’obiettivo ultimo rimane infatti quello di permettere al giovane di poter scegliere e vivere la fede cristiana in maniera consapevole e matura, in una logica di servizio e di testimonianza dell’amore di Dio.

GRUPPO TERZA MEDIA

TEMI DA AFFRONTARE:

per raggiungere gli obiettivi

• Abbiamo ricevuto lo Spirito Santo: i 7 doni
•“Erano un cuore solo e un’anima sola”: la comunità cristiana
• Gesù insegna a pregare: il Padre Nostro
• La forza del cristiano: le virtù
• Educati nella fede attraverso la celebrazione dei Sacramenti
• “A immagine di Dio li creò, maschio e femmina”
• La testimonianza di cristiani realizzati: i santi
 

ESPERIENZE CONSIGLIATE:

• La vita ordinaria di gruppo in oratorio
• Esperienze forti di vita comune  (ritiri spirituali – Grest– Campo Estivo)
• Incontro diocesano dei cresimandi con il Vescovo il sabato che precede le Palme
• La celebrazione del Sacramento della Cresima

GRUPPO 1° E 2° SUPERIORE

TEMI DA AFFRONTARE:

per raggiungere gli obiettivi

• La persona di Gesù nei Vangeli
• L’identità personale e l’altro
• La fede e la preghiera personale
• I sentimenti, le emozioni e l’amore
• Festa, tempo libero e divertimento
• Il corpo e la sessualità
• La comunicazione
• La vita spirituale
• L’accoglienza dell’altro
•L’appartenenza a una comunità e la partecipazione (dall’io al noi)
• L’esperienza dello studio
• Un percorso di educazione affettiva, anche in collaborazione con il centro diocesano per la pastorale famigliare

ESPERIENZE CONSIGLIATE

• Il servizio come animatore del Grest estivo o di esperienze similari invernali
• Collaborazione con le esperienze caritative locali
• Un’uscita annuale di due giorni in uno stile sobrio e di condivisione prima di Avvento al fine di rinsaldare i rapporti nel gruppo
• La settimana comunitaria durante il tempo scolastico dal terzo anno
• L’esperienza comunitaria estiva nella forma di un campo tradizionale, ma anche di campi di servizio
• Un pellegrinaggio sulle orme di qualche figura significativa per i ragazzi (un santo, un testimone di giustizia ecc.)
 

EVENTI DIOCESANI CONSIGLIATI
• La Traditio Symboli a 14 anni celebrata a livello diocesano
• La consegna della maglietta personalizzata della prima tappa all’interno di una cerimonia parrocchiale “ad hoc” da farsi ai 17 anni

3° 4° 5° SUPERIORE

TEMI DA AFFRONTARE

per raggiungere gli obiettivi

• Le Beatitudini
• La Chiesa
• Il male
• La fede
• La preghiera e la lotta spirituale
• I sacramenti del Battesimo e dell’Eucaristia
•Il sacramento della Penitenza e l’accompagnamento spirituale
• La coscienza e la vita morale
• La bioetica
• La cittadinanza e la responsabilità civile
• Scoperta della vita di qualche santo/testimone significativo
• La dottrina sociale della chiesa: alcuni cenni iniziali
• Il progetto di vita (orientamento)


ESPERIENZE CONSIGLIATE
• La settimana comunitaria nella Settimana Santa o in altri momenti dell’anno
• Incontro con altre esperienze di chiesa (conoscenza di altre parrocchie; diocesi, anche attraverso viaggi ecumenici in Europa)

• Settimana estiva dedicata al tema della fede
• Esperienza di cammino in alcuni luoghi classici della spiritualità cristiana
• Esperienze di servizio parrocchiale o sociale accompagnate dai propri educatori
• Qualche esperienza di servizio liturgico domenicale
• L’esperienza del “Tabor” al termine dei due anni.

          
FORMAZIONE COMUNITA' ANIMATORI
Circa gli educatori alla fede si domanda almeno che questi abbiano scelto Gesù quale criterio orientativo della propria vita, siano partecipi della vita della comunità cristiana e abbiano una certa capacità educativa. Questi tre criteri, pur considerando le difficoltà reali che una tale scelta comporta, sono da ritenersi come determinanti quando una comunità affida a qualcuno il servizio educativo.
Le linee che presentiamo hanno come obiettivo il fatto che gli educatori alla fede abbiano almeno 22/23 anni, mentre i servizi che dovessero svolgere prima di quest’età, siano da considerarsi come forme temporanee e di “tirocinio". La nostra diocesi aveva a lungo riflettuto sul profilo dell’educatore cristiano, e tale risultato è stato raccolto in un quaderno chiamato “Educatori come Gesù”. La vita comunitaria è il primo luogo formativo cristiano per eccellenza, è il criterio principale nella individuazione degli educatori alla fede, come lo è per tutti gli altri operatori pastorali.

A partire da questa convinzione, per favorire la formazione degli educatori alla fede vi saranno momenti specifici proposti dalla Diocesi e altri di diretta competenza della parrocchia. Ad ogni educatore, nei primi anni del servizio, sarà chiesto di aderire alla partecipazione al corso base, con 6 incontri proposto dalla diocesi e agli incontri formativi annuali proposti dal CPG e distribuiti lungo il corso dell’anno liturgico. La Settimana della Chiesa Mantovana è ritenuta poi un appuntamento formativo a cui gli educatori alla fede siano messi nelle condizioni di partecipare.
La parrocchia farà incontri formativi più specifici per i propri educatori, oltre che seguirne la formazione spirituale e pastorale servendosi anche dell’apporto delle proposte degli uffici e centri diocesani.

TEMI DA AFFRONTARE per la formazione degli educatori (i temi sono molti ma spalmati nel tempo)

• L’arte educativa di Dio nella Bibbia
• L’educatore e la spiritualità cristiana
• La formazione integrale della persona
• L’opzione fondamentale per Gesù
• La fede di Gesù e in Gesù
• Elementi basilari di psicologia e pedagogia della preadolescenza
e dell’adolescenza.
• Il gruppo e la sua gestione
• Comunicare bene e tecniche di animazione
• Educare al tempo di internet
• Elementi di comprensione della cultura contemporanea
 

settore della catechesi

 ESCAPE='HTML'

INIZIAZIONE CRISTIANA

SECONDA ELEMENTARE: I NOSTRI BAMBINI iniziano il primo anno di catechismo

 

TERZA ELEMENTARE: Viene celebrato per I NOSTRI BAMBINI IL SACRAMENTO DELLA PENITENZA.

 

QUARTA ELEMENTARE: Viene celebrato per I NOSTRI BAMBINI IL SACRAMENTO DELLA SANTA EUCARESTIA.

 

QUINTA ELEMENTARE: …….In preparazione alla CRESIMA e in cammino con Gesù

 

PRIMA MEDIA: ………In preparazione alla Cresima e in cammino con Gesù

 

SECONDA MEDIA: Viene celebrato per i NOSTRI RAGAZZI IL SACRAMENTO DELLA SANTA CRESIMA

PROPOSTE:

Ad ogni gruppo di catechismo viene proposto ed indicato uno specifico cammino di fede. Abbiamo un buon numero di catechisti e aiuto-catechisti che si occupano della formazione dei nostri bambini/ragazzi.

Sono programmati con i bambini:

altri momenti formativi quali: brevi ritiri o momenti di preghiera, partecipazione ad iniziative di carità, animazione della S. Messa o di altri momenti di preghiera in periodi particolari dell’anno liturgico ( Via Crucis in Quaresima, Santo Rosario nel mese di maggio etc … ).

In particolare, per i gruppi di catechismo che si stanno preparando a ricevere un Sacramento, è prevista la presentazione alla comunità parrocchiale che avviene all’interno della S. Messa domenicale. I bambini sono invitati a partecipare alle varie attività ricreative organizzate dall’Oratorio o a momenti di svago organizzati con la collaborazione dei genitori.

In parallelo al percorso del catechismo per i bambini, vengono organizzati alcuni incontri periodici con i genitori. Lo scopo è quello di informarli sul percorso attuato e sulla partecipazione dei bambini ma non solo…..Si vuole offrire ai genitori la possibilità di approfondire alcune tematiche della nostra fede e di mettersi a confronto per capire cosa vuol dire nel nostro tempo essere genitori cristiani e come ci si deve relazionare con i propri figli.

ADULTI PROPOSTE

 Adorazione eucaristica ogni venerdi alle ore 15.00.

Ora della Divina Misericordia nella chiesa Santa Maria

- ritiro spirituale all’inizio dell’anno

- ritiri spirituali di Avvento e di Quaresima;

- incontri di formazione settimanali nei periodi di Avvento e

Quaresima con i fratelli dell’Unità Pastorale

- incontri programmati dalla Diocesi per il Sinodo

- assemblea parrocchiale di chiusura dell’anno pastorale;

CATECHESI BATTESIMALE

La famiglia si incontra con il Parroco per la preparazione della celebrazione del sacramento del Battesimo ,richiesto per il proprio figlio, durante la settimana antecedente il sacramento stesso.   S.O.S. Famiglie che sentono tale chiamata o tale desiderio, su indicazione del parroco, potrebbero occuparsi della formazione della catechesi battesimale e dei bambini da 0 a 6 anni… che il Signore possa nella nostra comunità ispirare veramente un tale servizio che è mancante)

SETTORE DELLA CARITA'

Nell’ambito della carità operano gruppi che si impegnano per le situazioni di povertà, anziani e ammalati.” Ogni fratello bisognoso nella carne e nello spirito trovi in noi lo sguardo amorevole e compassionevole di Gesù”

Dal Vangelo secondo Matteo: Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati.

Caritas parrocchiale: (ref.te Ivan).

si occupa di ascoltare e aiutare famiglie e persone in particolari difficoltà economiche e non solo.

Ogni lunedi ore, 15.00 -16.30, presso Casa Maria

Gruppo missionario, (referenti Laura Marinoni e Luca Provvedini) crea eventi e non solo………....

un impegno per i lontani con necessità primarie, un mondo da avvicinare nell’aiuto e con l’amore datoci dalla nostra fede.

Gruppo Unitalsi (referente Pietro Perini).un impegno al sollievo, uno sguardo sulla speranza da trasmettere durante l’accompagnamento dei malati a Lourdes e Loreto.

Centro volontari della sofferenza (referente Romeo Barozzi)...

…..un impegno nella sofferenza del fratello e nella valorizzazione del malato come parte attiva della comunità..sempre con l’aiuto del Signore.

Visita agli ammalati (referenti: le suore e Luciana Nicoli)… sono impegnati i volontari e le nostre suore…un impegno in un ministero importante, quello della consolazione. Gesù ci insegna: “ero malato e mi avete visitato !”

Casa di riposo (referente Rosy e Suor M.Vincenza) …Viene curata l’animazione e occasioni di festa: un impegno ad amare Gesù nei nostri anziani.

 

 

 ESCAPE='HTML'

SETTORE DELLA LITURGIA

Papa Francesco…… Il coraggio apostolico è seminare. Seminare la Parola. Renderla a quel lui e a quella lei per i quali è data. Dare loro la bellezza del Vangelo, lo stupore dell’incontro con Gesù e lasciare che sia lo Spirito Santo a fare il resto.

GRUPPO LITURGICO

(referente Fulvia Negri Fava)

Segue il cammino dell’anno liturgico aiutando la comunità a viverlo.

Si incontra durante l'anno per la formazione e la programmazione. (vedi calendario). Si impegna nella preparazione delle messe domenicali e di altre celebrazioni particolari. Coordina i lettori e cura l’offertorio e le preghiere dei fedeli.

La vita è un inno cantalo (Santa Teresa di Calcutta)

Sono presenti per l’animazione anche:

il gruppo chitarre: animazione S.Messa 10.30.

referenti Paola e Maria

la corale S.Antonio Abate: anima alcune celebrazioni particolari: referente Maurizio Vezzoni

complesso bandistico cannetese: accompagna le processioni: referente Sergio Ghisini

GRUPPO CHIERICHETTI

(referente Ivan)

I nostri ragazzi hanno il compito di servire all’altare. Il loro Santo Protettore è San Tarcisio.

Il papa ai Ministranti: "Mi rivolgo a tutti i ministranti del mondo! Servite con generosità Gesù presente nell’Eucarestia. E’ un compito importante, che vi permette di essere particolarmente vicini al Signore. Custodite gelosamente questa amicizia nel vostro cuore come San Tarcisio !"

DECORO DELLE CHIESE
     (referente Albina e collaboratrici)

Persone che si impegnano nel decoro delle nostre chiese; curare la bellezza è curare l’incontro particolare di ognuno di noi con il Signore nel suo Tempio, è il rispetto al nostro Dio che ci attende all’appuntamento della Santa Messa….

Dal salmo 104
Anima mia, benedici il SIGNORE!
SIGNORE, mio Dio, tu sei veramente grande;
sei vestito di splendore e di maestà.
Egli si avvolge di luce come d'una veste;
stende i cieli come una tenda;
egli costruisce le sue alte stanze sulle acque;
fa delle nuvole il suo carro,
avanza sulle ali del vento;
fa dei venti i suoi messaggeri,
delle fiamme di fuoco i suoi ministri.
Egli ha fondato la terra sulle sue basi:
essa non vacillerà mai.

 ESCAPE='HTML'